2

Asolo 2050: un futuro possibile

Architettura

Nell’Ottobre 2009 mi laureai presso lo IUAV ( Istituto Universitario di Architettura Venezia ) con il Professor Cecchetto con una tesi riguardante il futuro del mio territorio. Qui di seguito Vi propongo l’abstract e qualche immagine di riferimento.  

7

    

ASOLO 2050: UN FUTURO POSSIBILE
Come evolverà il territorio dell’alta marca trevigiana nei prossimi quarant’anni? Quali saranno i fattori caratterizzanti di questo sviluppo? Lo sviluppo sarà caratterizzato da principi quali la rigenerazione degli spazi pubblici, l’alta efficienza energetica, la capacità di fare rete tra i vari nuclei urbani del territorio? Queste sono alcune delle domande fondative della mia tesi, lavoro che tramite la costruzione di uno scenario per un futuro possibile per il territorio di Asolo ha inteso tracciare delle linee guida su quello che potrebbe essere uno sviluppo più attento da un lato a ricreare un tessuto sociale ad oggi sfrangiato e quasi totalmente assente e dall’altro teso a proporre delle soluzioni di sviluppo eco-compatibili e che riescano ad inserirsi “pacatamente” nel paesaggio.

643

La scelta del sito è frutto di un analisi a scala territoriale che ha interessato tutto l’arco infrastrutturale della strada statale 248 Marosticana. Possiamo dire che ormai lungo questo asse viario è andata consolidandosi un unica grande “ proto-città lineare” di circa trenta chilometri che si estende da Montebelluna ad est e Bassano del Grappa ad ovest, insieme urbano però che si è costituito senza un disegno complessivo e delle logiche di espansione a scala territoriale, ciò a comportato, tra le altre cose una localizzazione dei servizi molto disomogenea con due principali poli costituite dalle cittadine agli estremi dell’asse e con un netto deficit all’interno del tessuto meno denso costituito da tutti gli altri aglomerati come ad esempio Asolo, Onè di Fonte o Maser.

5All’interno di questa situazione eterogenea Asolo si pone, anche grazie alla sua posizione baricentrica all’interno del territorio, come un ideale punto di riferimento per i comuni limitrofi. Inoltre anche assumendo come certa la costruzione dell’autostrada Pedemontana Veneta Asolo potrà candidarsi a diventare una vera e propria porta per il territorio, andando a fungere da punto di riferimento per tutto il comparto turistico dell’arco pedemontano e anche come polo di sevizi di riferimento per tutte quelle aziende che sono ad oggi presenti nel territorio. 1Altro punto fondamentale di questa tesi è la proposta di alcune metodologie di intervento nel tessuto urbano esistente. Preso atto della situazione edificatoria esistente, delle forme urbane attuali propongo tre tipologie di intervento. La prima si basa sulla riscoperta di quelle parti di territorio, che anche se poste in posizione baricentriche rispetto ai nuclei edificati risultato impermeabili alla popolazione o costituiscono dei “terreni morti” per quanto riguarda sia l’uso pubblico che quello produttivo. In queste porzioni di territorio intendo proporre una nuova edificazione che faccia fronte alle previsioni di crescita della popolazione futura, proponendo un modello insediativo che si basi su concetti di condivisione degli spazzi pubblici, dell’autosufficienza energetica e della micro produzione alimentare. Una seconda metodologia consistente nel rigenerare il tessuto edificato esistente: intervenire sugli edifici cercando di renderli autonomi dal punto di vista energetico e intervenendo ad una scala più grande sul composizione funzionale dei quartieri, ad oggi espressione di un un forte monofunzionalismo. Un ultima metodologia di intervento consiste nel riutilizzare gli edifici industriali dismessi o ad oggi inutilizzati. 2Il procedimento di intervento consiste nel mantenere la struttura portante di questi grandi edifici andando poi a inserire nella maglia costruttiva delle celle, come in un grande alveare, polifunzionali in grado di creare delle situazione urbane caratterizzate da un alto mix funzionale.